Prestiti e finanziamenti, ecco come cambia il settore con le opportunità online

Prestiti e finanziamenti, ecco come cambia il settore con le opportunità online

19-03-2021 in Crediti & Prestiti

Mettere in piedi una propria idea, dare vita al proprio sogno per riuscire a mantenersi tramite un’attività sulla quale si crede fermamente: in tempi di incertezza economica e finanziaria come quelli attuali, non è semplice trovare la spinta economica iniziale, dalla quale poi riuscire a mettere in piedi tutta la struttura. Qualsiasi siano le situazioni che richiedono pagamenti di entità importanti, queste possono trovare giovamento dall’opportunità di richiedere e poi ricevere un prestito, da estinguere poi in futuro secondo alcuni parametri accordati in precedenza. Proprio per quanto riguarda l’ambito finanziario, l’instabilità attuale generata dalla pandemia di COVID-19, ha generato dal punto di vista economico un drastico calo per quanto riguarda i consumi: la situazione è destinata a migliorare? Quali sono le migliori opportunità nel campo dei prestiti? Cerchiamo di capirlo esaminando nel dettaglio le diverse parti in gioco.

La sicurezza prima di tutto, ecco quali sono le condizioni di un prestito

La richiesta di un prestito presenta ovviamente dei requisiti necessari, pensati in maniera tale da certificare la bontà di un accordo, destinato a durare a lungo ed essere privo di intoppi per entrambe le parti in causa. Maggiore attenzione è naturalmente riposta da chi eroga il prestito verso chi lo riceverà: in questo caso si parla di garanzie, che agiscono a tutela di chi elargisce il prestito o finanziamento e che possono entrare in gioco nel caso in cui si verifichi una situazione di insolvenza.

Quali sono i vari tipi di prestito che si possono richiedere?

In base a quelle che sono le esigenze della persona possono essere richiesti vari tipi di prestito, che variano poi per gestione e tanti parametri diversi. Ecco quali sono i principali e quali sono gli elementi che li caratterizzano.

Il mutuo

Il mutuo altro non è se non un contratto tramite il quale è possibile ricevere una somma di denaro destinata all’acquisto di beni o servizi, con la cifra che viene poi restituita alla scadenza al prestatore. L’esempio più conosciuto di richiesta mutuo è riferito alla tipologia di mutuo bancario, caso nel quale ci si rivolge a una banca per poter comprare beni immobili o edifici. Con l’avvento di Internet, ottenere un mutuo risulta molto più immediato rispetto al passato: la richiesta di mutuo online è infatti una pratica comune per molti clienti; sono infatti consultabili specifici portali che permettono di effettuare un confronto tra le proposte di mutui, in maniera tale da farsi un’idea molto più specifica sulle proposte e riuscire a trovare sempre la più vantaggiosa in base alle proprie richieste.

Il prestito personale

Quando si parla di prestiti personali, ci si riferisce a una forma di finanziamento attraverso denaro a cui segue poi un piano di rate da estinguere dall’importo costante, cioè caratterizzate da un tasso d’interesse fisso: quello che principalmente cambia rispetto a situazione come quelle relative ai mutui è l’assenza di necessità di garanzie tramite un qualunque tipo di bene immobile. L’importo elargito è molto vario e può essere estinto in periodi che vanno da uno a dieci anni: proprio per questo può essere molto utile osservare le tante proposte di prestiti online, magari aiutandosi con l’uso di motori di ricerca appositi, che scandagliano la Rete alla ricerca dei finanziamenti online migliori.

Il finanziamento auto

Non solo un mutuo per la propria casa, molte volte si può avere bisogno di un finanziamento che permetta di effettuare acquisti di altra entità, magari - ad esempio - orientati all’acquisto auto oppure di altri mezzi di trasporto. In questa maniera si possono avere somme anche molto importanti tramite le quali poter effettuare i pagamento, andando poi a rimborsare tutto tramite rate a tasso fisso. Una volta ottenuti i preventivi per la propria auto, è quindi possibile ottenere tutto il necessario in maniera molto rapida, per poi riuscire a comprare l’auto in tempi estremamente brevi.

Fare attenzione agli interessi

Quando si parla di prestiti bisogna conseguentemente ragionare anche sui tassi di interesse, che vanno a condizionare quelle che poi sono le rate mensili da pagare e il loro importo: valutare in anticipo gli interessi permette anche di scegliere il prestito migliore per le proprie esigenze. Solitamente, il loro valore dipende dal finanziatore e dal profilo di rischio del richiedente, assieme alla periodo di tempo durante il quale dovranno essere estinte le varie rate. Solitamente si parla principalmente di tasso d’interesse fisso o variabile: mentre il fisso si mantiene costante per tutta la durata del prestito, quello variabile può (per l’appunto) cambiare nel corso del tempo. Solitamente i prestiti con tassi d’interesse variabile sono più consigliati per prestiti brevi (essendo meno costosi e quindi più convenienti), mentre i prestiti a tasso fisso sono maggiormente indicati per prestiti dalla lunga durata.

Cosa si intende con Tan e Taeg?

E proprio restando nel campo dei mutui, spesso si sente parlare di Tan e Taeg, acronimi che indicano il Tasso Annuale Nominale e il Tasso Effettivo Globale d’interesse. Questi due elementi sono nello specifico estremamente utili per determinare quello che è il costo del finanziamento e aiutano a effettuare confronti tra le varia proposte per i mutui, quando si cerca la proposta dal costo più basso. Il Tan è il tasso di interesse puro applicato al finanziamento d’interesse, mentre il Taeg è composto non solo dal Tan, ma anche da altri specifici valori variabili a seconda di quello che è l’istituto creditore considerato.

Tutte le domande più comuni prima di chiedere un prestito

Prima di chiedere un prestito possono nascere alcune domande all’apparenza banali, ma delle quali è fondamentale conoscere la risposta, per evitare brutte sorprese in seguito ed essere inoltre sempre pronti a richiedere un eventuale finanziamento.

Ho le qualifiche per richiedere un prestito?

Quando si parla di un prestito personale, sono presenti alcuni criteri che valutano la possibilità del cliente di accedere effettivamente al prestito: queste qualifiche riguardano una determinata politica di rischio, il livello di reddito del richiedente e la sua affidabilità dal punto di vista creditizio. Ovviamente avere un’attività lavorativa sicura (tempo indeterminato) ricopre un ruolo estremamente importante perché questo tipo di richieste vada a buon fine.

Ho abbastanza soldi per ripagarlo?

Può sorgere in anticipo un dubbio: e se non avessi i soldi per ripagare il credito? Specie in periodi di crisi come questa una preoccupazione simile può nascere e sono molti i casi in cui si deve affrontare questa problematica di prestiti o ancora peggio mutui da pagare in mancanza di disponibilità economica: anche per questa ragione è bene sempre valutare in anticipo prestiti con tassi d’interesse fissi, per poter fin dal principio conoscere sempre il prezzo che si dovrà pagare senza brutte sorprese. Quando non si riesce ad adempiere al pagamento di una rata, si viene sollecitati a più riprese, con la possibilità che la pratica venga passata a un ufficio di recupero crediti nel caso in cui questi pagamenti di un finanziamento manchino nel tempo.

Ho tutti i documenti necessari per chiedere un mutuo?

I documenti per richiedere un mutuo sono semplici, ovvero: una copia di un documento di identità e del codice fiscale, un certificato di residenza, lo stato di famiglia e in qualche caso anche il certificato di nascita.

Raggiungo i limiti di età per chiedere un prestito?

Il limite di età minimo da raggiungere per richiedere un prestito è ovviamente pari alla maggiore età, ovvero i 18 anni. È importante come nel caso di prestiti personali molte finanziarie arrivano a 70 anni come età massima alla quale poter richiedere il prestito.

Le buste paga per un finanziamento, quante devo averne?

Solitamente per richiedere un finanziamento è necessario dover mostrare una prova di stabilità lavorativa: proprio per questa ragione per ottenere un prestito bisogna utilizzare le buste paga: averne a disposizione 2 o più permette di far capire a chi deve elargire il prestito come si è assunta una posizione lavorativa relativamente stabile, certificando la predisposizione al finanziamento.

Cos’è e come funziona un prestito garantito?

Il prestito garantito è un tipo di prestito che è caratterizzato dalla presenza di una garanzia che copre eventuali insolvenze. Solitamente sono a tasso fisso e rimborsabili tramite rate mensili, con la cifra finanziata che è strettamente legata a quelle che sono le garanzie che il cliente può offrire, che poi vengono tradotte in importi riferendosi a diversi fattori e parametri. Solitamente, perciò, il prestito garantito si presenta come estremamente semplice da ottenere, sia per quanto riguarda i requisiti sia per la documentazione necessaria: alcune soluzioni offrono alternative anche alle buste paga, permettendo di considerare altri tipi di garanzie come assicurazioni sulla vita, TFR, immobili dai quali si ricava affitto, ipoteche, pegni di beni e così via.

Dopo un primo prestito, quanto tempo devo attendere prima di chiederne un altro?

Le richieste di prestiti effettuate possono, ovviamente, essere respinte: i case possono essere diversi, solitamente principalmente relativi a valutazioni interne di chi deve elargire il prestito, condizionati magari da una posizione di cattivo pagatore del richiedente o dall’assenza di garanzie. Una volta rifiutato il prestito, è necessario attendere un minimo di 30 giorni prima di inviare una nuova richiesta.

È possibile assicurare il proprio prestito?

Nel caso in cui si voglia avere una sicurezza in più, è possibile anche assicurare il proprio prestito tramite una polizza pensata appositamente. Lo scopo di questa assicurazione è quella di andare a tutelare il richiedente del prestito nel caso in cui questo, per una qualsiasi motivazione, si trovi impossibilitato a rispettare i pagamenti e le relative scadenze. Ovviamente un’assicurazione di questo tipo non è obbligatoria, a meno che non si parli di prestito per cessione del quinto di stipendio o pensione, con i lavoratori dipendenti che in questi casi devono anche avere una polizza caso morte e polizza rischio impiego, che poi entreranno in gioco nel caso in cui si verifichino problematiche relative all’assenza di introiti per il ricevente del finanziamento (o casi peggiori).

Perché è importante informarsi e leggere le recensioni

Con così tante soluzioni diverse, emerge ancora di più l’importanza del saper scegliere tra un vasto numero di opportunità: il web da questo punto di vista offre una varietà ineguagliabile, capace di permettere a tutti di trovare sempre un prestito adatto alle proprie possibilità ed esigenze. Se però una tale varietà da un certo punto di vista non può che far piacere, dall’altro può generare una notevole indecisione, specie quando si cerca magari la soluzione più economica senza però trovare un servizio troppo scadente. Per questa ragione, però, Internet stesso propone un’altra soluzione: si tratta delle recensioni degli utenti, rilasciate da altre persone che hanno già avuto modo di provare diversi servizi nel campo dei prestiti e che possono quindi raccontare la loro esperienza, consigliando altre persone e chiarendo anche qualche dubbio specifico. In questa maniera si evita di incappare in brutte esperienze le quali, specie in casi come questi, dove comunque si parla molte volte di cifre di denaro non indifferenti, è importante saper compiere sempre la scelta giusta.

Esiste quindi il prestito adatto a me?

La risposta è sì: a patto che si rispettino i requisiti necessari e che si abbia il tempo e la pazienza di documentarsi, è sempre possibile trovare la soluzione più adatta ai propri bisogni: che si tratti di mutui per la casa, prestiti personali, finanziamenti auto o tanto altro, su Internet non è difficile trovare una soluzione specifica in questo senso, aiutandosi magari con le esperienze e i consigli altrui.

  • Home